È stata la mano di Dio: Toni Servillo (di nuovo) diretto da Paolo Sorrentino

Sesto film insieme per la “coppia”

Paolo Sorrentino torna a lavorare con il suo attore feticcio per eccellenza. La notizia non sarà sorprendente, ma è di certo gradita ai fan del cinema di uno dei registi italiani più apprezzati nel mondo. Nel cast del suo nuovo film È stata la mano di Dio ci sarà Toni Servillo.

Le riprese della pellicola, prodotta da The Apartment per Netflix, sono iniziate negli scorsi giorni a Napoli, la città natale di Paolo Sorrentino. Attualmente la produzione si è invece spostata sull'isola di Stromboli, in Sicilia.

Per attore e regista sarà il sesto film insieme. Toni Servillo è stato il protagonista del primo lungometraggio di Paolo Sorrentino, L'uomo in più del 2001, nella parte del cantante neomelodico Antonio “Tony” Pisapia. Da lui è stato in seguito diretto anche in Le conseguenze dell'amore, dov'era il contabile Titta Di Girolamo, quindi ne Il divo, dove ha vestito i panni di Giulio Andreotti, nel premio Oscar La grande bellezza, dov'era il giornalista Jep Gambardella, e più di recente si è trasformato in Silvio Berlusconi per Loro.

Insomma, facevamo prima a dire i film di Paolo Sorrentino in cui non ha recitato: L'amico di famiglia, This Must Be the Place e Youth - La giovinezza.

Nonostante il titolo faccia apertamente riferimento a una frase pronunciata da Diego Armando Maradona, che non sembra aver apprezzato molto la citazione minacciando di querelare la produzione, la pellicola non sarà incentrata sul calciatore argentino. La trama è rigorosamente top secret, ma È stata la mano di Dio si preannuncia come il lavoro più intimo e personale di Sorrentino. E non poteva certo mancare l'interprete simbolo del suo cinema.

PH: Getty Images