George Clooney commenta la sfuriata di Tom Cruise sulle norme anti-Covid

“Non ha reagito in modo eccessivo, perché è un problema”

La notizia della sfuriata di Tom Cruise nei confronti di due membri della troupe di Mission: Impossible 7, che non avevano rispettato le distanze di sicurezza anti-Covid sul set, ha fatto il giro del mondo. Al riguardo nelle ultime ore si è espresso anche un suo illustre collega, George Clooney.

L'attore lanciato da E.R. - Medici in prima linea si è dichiarato d'accordo con Tom Cruise. Anche se lui in una circostanza del genere probabilmente si sarebbe comportato in una maniera più diplomatica.

Durante un'intervista concessa al celebre conduttore radiofonico Howard Stern in occasione della promozione del suo nuovo film The Midnight Sky, da lui diretto, prodotto e interpretato, a George Clooney è stato chiesto cosa ne pensasse dello sfogo del collega. Ecco la sua risposta: “Non ha reagito in modo eccessivo, perché è un problema. Ho un amico che è un AD in un altro programma televisivo a cui è accaduta la stessa identica cosa e la sua reazione non è stata molto lontana da quella di Cruise. Io non l'avrei fatto in modo così plateale. Non avrei tirato in ballo le persone. Sei in una posizione di potere ed è complicato, giusto? Hai una responsabilità per tutti gli altri e lui ha assolutamente ragione su questo. E, sai, se le produzioni diminuiscono, molte persone perdono il lavoro. La gente deve capirlo e deve essere responsabile”.

George Clooney ha quindi aggiunto: “Non è nel mio stile, sai, coinvolgere tutti in quel modo, ma capisco perché l'ha fatto. Non ha affatto torto su questo. Sai, solo, non so se l'avrei presa così sul personale, ma non conosco tutte le circostanze, magari gli era capitato altre 10 o 15 volte prima di esplodere”.

PH: Getty Images