Ronnie Spector è morta: addio alla leader delle Ronettes, il gruppo di Be My Baby

Ci ha lasciati una cantante iconica degli anni '60

Lutto nel mondo della musica. È morta di cancro all'età di 79 anni Ronnie Spector, leggendaria leader del gruppo pop al femminile The Ronettes.

La grande cantante statunitense era conosciuta come “l'originale cattiva ragazza del rock and roll” ed era stata anche la moglie del controverso produttore Phil Spector, con cui è stata sposata dal 1968 al 1974 e che è scomparso un anno fa. Nel 1982 si era poi risposata in seconde nozze con Jonathan Greenfield. Dai due matrimoni ha avuto 5 figli.

Nata nel 1943 a New York con il nome di Veronica Yvette Bennett, una volta diventata moglie di Phil Spector si è fatta conoscere come Ronnie Spector. Nel 1957 ha formato il gruppo che sarebbe poi diventato noto come The Ronettes, composto insieme a sua sorella Estelle e alle loro cugine Nedra, Diane ed Elaine.

In seguito alla defezione di Diane ed Elaine sono diventate un trio e negli anni '60 hanno conquistato le classifiche con diversi pezzi di successo. La loro canzone più celebre è la memorabile Be My Baby, considerata la massima espressione del cosiddetto “Wall of Sound” di Phil Spector. Un brano epocale usato anche come colonna sonora di varie serie e film, tra cui Dirty Dancing - Balli proibiti.

Tra le altre canzoni più famose interpretate dalle Ronettes ricordiamo inoltre Baby, I Love You e la natalizia Sleigh Ride. All'inizio del 1967, la band ha deciso di separarsi e di continuare per strade separate. In seguito, Ronnie Spector ha pubblicato diversi singoli e alcuni album come artista solista.