Cannes 2020: Spike Lee sarà il presidente della giuria

Sarà il primo afroamericano a ricoprire questo ruolo

Tempo di novità al Festival di Cannes. Il presidente della giuria della prossima edizione della prestigiosa kermesse cinematografica sarà Spike Lee. Sarà il primo afroamericano a ricoprire questo ruolo.

Dopo il messicano Alejandro González Iñárritu, che lo scorso anno aveva consegnato la Palma d'oro tra le mani del sudcoreano Bong Joon-ho per il suo Parasite, ora in corsa anche agli Oscar 2020, l'onore toccherà così al regista di Fa' la cosa giusta e Inside Man.


Con il suo ultimo lavoro, BlacKkKlansman, Spike Lee aveva ottenuto il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2018 e nella prossima edizione, che si terrà dal 12 fino al 23 maggio del 2020, sarà lui insieme agli altri giurati, ancora da decidere, a scegliere i film da premiare.

A proposito di questo compito, Spike Lee ha dichiarato: “Quando sono stato chiamato, non potevo crederci, ero felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo. Sono onorato di essere la prima persona della diaspora africana negli Stati Uniti ad assumere questa funzione”.

Riguardo alla scelta del regista statunitense, il Presidente di Cannes Pierre Lescure e il direttore artistico Thierry Frémaux hanno dichiarato: “La prospettiva di Spike Lee ha più valore che mai. Cannes è dimora naturale e cassa di risonanza globale per coloro che risvegliano le menti e danno uno scossone ai pregiudizi. La personalità fulminante di Spike Lee scuoterà gli animi. Che tipo di Presidente sarà? Lo scoprirete a Cannes!”.

PH: Getty Images