Addio a Mordillo, il disegnatore e fumettista dallo stile unico

Guillermo Mordillo è venuto a mancare all'età di 86 anni a Maiorca

Il suo stile era unico e inconfondibile. I suoi disegni autentiche opere d'arte. Ci ha lasciati all'età di 86 anni il grande fumettista argentino Guillermo Mordillo, anche noto soltanto come Mordillo. È stato colto da un malore mentre cenava con i suoi familiari in un ristorante di Maiorca, in Spagna, dove viveva.

Ad annunciare la triste notizia per primo è stato il quotidiano argentino Clarin attraverso il suo sito web. Il celebre disegnatore era nato a Villa Pueyrredón, un quartiere di Buenos Aires, la capitale dell'Argentina, il 4 agosto del 1932, da una famiglia di emigrati dalla Spagna.

Guillermo Mordillo ha manifestato la sua passione per i disegni e il suo talento artistico fin dalla più tenera età. A 12 anni ha realizzato il suo primo disegno e da adolescente ha dato vita in collaborazione con Enrique Lipszyc a un giornalino scolastico. A 18 anni ha quindi iniziato la sua attività di illustratore di libri per l'infanzia. In quel periodo ha inoltre collaborato con il mondo del cinema nelle vesti di pubblicitario e vignettista.

Nel 1960 si è poi trasferito a New York, dove ha lavorato alla Paramount come disegnatore per alcuni cortometraggi animati di personaggi dei fumetti destinati a diventare parecchio noti, come Braccio di Ferro e Little Lulu. Una volta spostatosi a Parigi, ha iniziato a lavorare per il quotidiano Paris Match e per la rivista Lui, oltre a occuparsi di cartoni animati per la tv francese.

A partire dagli anni '70 i suoi disegni ricchi di personaggi buffi, stravaganti e simpatici e il suo stile ricco di colori vivaci è diventato celebre in tutto il mondo. Lo stile Mordillo ha conquistato poster, diari e puzzle e per far sorridere non aveva bisogno di parole. La sua morte ha lasciato invece noi senza parole.

PH: Getty Images