Willy, il principe di Bel-Air: il reboot cambia showrunner ed è rimandato al 2022

La versione “seria” della storica sitcom anni '90 sta per arrivare, ma ci sarà da pazientare ancora un po'

Sta per arrivare la versione “seria” di una delle sitcom più spassose degli anni '90, ma ci sarà da pazientare ancora un po'. Bel-Air, L'annunciato reboot drammatico di Willy, il principe di Bel-Air, inizialmente previsto per quest'anno, è stato rimandato al 2022.

Il progetto è attualmente in preparazione per il servizio di streaming Peacock. Nelle ultime ore è però stato annunciato un ritardo nella lavorazione, dovuto al cambio in corsa degli showrunner che si occuperanno della nuova serie drama ispirata alla sitcom che ha lanciato la carriera di Will Smith.

Secondo quanto riporta il sempre bene informato The Hollywood Reporter, come nuovi showrunner sono stati ingaggiati T.J. Brady e Rasheed Newson, che hanno già lavorato insieme alle serie Lie to Me e Shooter. I due vanno a sostituire Chris Collins, che ha lasciato il progetto a causa di alcune divergenze creative, e Diane Houston, coinvolta nella lavorazione lo scorso dicembre, prima di decidere pure lei di rinunciare all’incarico.

L'idea per lo show è partita da un cortometraggio fanfiction realizzato da Morgan Cooper. Bel-Air sarà ambientata nel presente e racconterà in chiave drammatica e realistica il trasferimento del giovane Will dalle strade di Philadelphia alle ville di Bel-Air, uno dei quartieri maggiormente di lusso di Los Angeles.

La serie è ideata dallo stesso Morgan Cooper e vede tra i produttori anche Will Smith, lo storico protagonista della sitcom originale, insieme a sua moglie Jada Pinkett Smith.