Michael J. Fox sta pensando di smettere di recitare

“Almeno per ora, entro in un secondo pensionamento.”

Negli Stati Uniti è stato appena pubblicato il libro di memorie di Michael J. Fox. Da quanto si apprende dalla lettura di No Time Like the Future: An Optimist Considers Mortality le notizie però purtroppo non sono affatto buone per tutti i fan della star di Ritorno al futuro.

Negli scorsi giorni l'attore 59enne aveva raccontato di come a causa del morbo di Parkinson, che gli era stato diagnosticato nel 1991 e di cui ha parlato pubblicamente per la prima volta nel 1998, le sue capacità di memorizzazione negli ultimi tempi siano parecchio peggiorate. Un problema che potrebbe portarlo ad allontanarsi definitivamente dalla recitazione.

Tra i passaggi più significativi del suo libro di memorie, uscito negli Usa il 17 novembre, ce n'è uno riportato dal sito Consequence of Sound in cui Michael J. Fox scrive: “C’è un tempo per tutto, e il mio tempo di dedicare una giornata lavorativa di dodici ore e a memorizzare sette pagine di dialoghi è ormai dietro di me. Almeno per ora, entro in un secondo pensionamento. Questa cosa potrebbe cambiare, perché tutto cambia. Ma se questa è la fine della mia carriera di attore, così sia”.

Di recente Michael J. Fox ha ripreso il ruolo di Louis Canning già interpretato nella serie The Good Wife anche nel suo spin-off The Good Fight ed è inoltre apparso con un breve cameo nei panni di Marty McFly di Ritorno al futuro nel video di presentazione di Holiday, la nuova canzone del rapper Lil Nas X. Speriamo che in futuro ci siano altre occasioni di rivederlo sia sul piccolo che sul grande schermo.

PH: Getty Images