Venezia 2020: Barbera spiega come sarà la Mostra, tra mascherine e distanziamento

Ecco come sarà la prossima Mostra d'arte cinematografica di Venezia ai tempi del Coronavirus

La Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2020 è stata confermata. Le date rimangono quelle previste, da mercoledì 2 a sabato 12 settembre. L’annuncio è arrivato direttamente dal presidente della Biennale Roberto Cicutto.

Sarà però naturalmente un’edizione che dovrà fare i conti con il Coronavirus e il direttore artistico della Mostra cinematografica di Venezia Alberto Barbera ha provato a spiegare come sarà realizzata. In un’intervista concessa all’Ansa, ha dichiarato che la prossima edizione: “sarà per forza sperimentale. Ci sarà sicuramente l'uso delle mascherine e il distanziamento sociale. Si dovrà poi per forza di cose ridurre il numero di accesso in sala degli spettatori e probabilmente anche il numero stesso degli accreditati”.

Barbera aggiunge quindi: “È evidente che poi molti film, soprattutto stranieri, non verranno accompagnati dai talent che non se la sentiranno o saranno impossibilitati a venire. In questo caso si potranno prevedere conferenze stampa online. Un problema che riguarderà anche le proiezioni che, per i giornalisti non presenti, potranno essere seguite su piattaforme sicure. E questo varrà anche per una parte degli spettatori. Il vantaggio di essere presenti al Lido ci sarà comunque. Certo i film italiani saranno avvantaggiati perché i talent potranno con più facilità essere presenti, ma io non sono così pessimista e spero che ci saranno perlomeno anche molti europei presenti”.

Riguardo a una possibile partnership con il Festival di Cannes, ipotizzata negli scorsi giorni, Alberto Barbera ha dichiarato: “Con Thierry Fremaux il discorso è ancora aperto e c'è la concreta volontà di entrambi di fare qualcosa, siamo insomma disponibili a tutte le soluzioni” e non esclude “la possibilità di una reale collaborazione con il Festival di Cannes anche nel segno di una solidarietà verso il mondo del cinema più che mai ora in difficoltà. E questo al di là di ogni competizione”.

PH: Michele Riondino con Alberto Barbera a Venezia, Getty Images