Michael Constantine è morto: addio al patriarca de Il mio grosso grasso matrimonio greco

L'attore caratterista di origini greche si è spento all'età di 94 anni

Ci lascia un attore dalla lunga carriera, noto soprattutto per un ruolo. È morto all'età di 94 anni Michael Constantine, conosciuto al grande pubblico principalmente per la parte di Kostas “Gus” Portokalos, il patriarca de Il mio grosso grasso matrimonio greco.

L'attore caratterista statunitense di origini greche si è spento lo scorso 31 agosto per cause naturali. La triste notizia della sua scomparsa è stata data dalla sua agente Julia Buchwald soltanto nelle ultime ore.

Nato con il nome di Constantine Joanides a Reading, in Pennsylvania, negli USA, Michael Constantine ha cominciato la sua carriera di attore negli anni '50, prima e teatro e poi sul grande schermo. Il suo debutto cinematografico è stato nel 1959 nel film Le otto celle della morte.

Negli anni '70 ha conquistato un Emmy Award per la sua interpretazione di Seymour Kaufman, il preside del liceo Walt Whitman High School di Los Angeles nella serie TV Room 222. È apparso anche in numerose altre serie, tra cui Gli intoccabili, Perry Mason, Il tenente Kojak, Fantasilandia, Love Boat, Magnum P.I., MacGyver, Law & Order - I due volti della giustizia, Giudice Amy e Cold Case - Delitti irrisolti.

La sua parte più celebre è arrivata nel 2002, quando ha indossato i panni del padre della protagonista Fotoula “Toula” Portokalos (interpretata da Nia Vardalos) nella romcom di enorme successo Il mio grosso grasso matrimonio greco, film che ha ottenuto anche una nomination agli Oscar per la migliore sceneggiatura originale. Un ruolo ripreso pure nel sequel Il mio grosso grasso matrimonio greco 2 e nella sitcom My Big Fat Greek Life, di cui sono stati realizzati 7 episodi.