Blade Runner diventerà una serie TV

Ridley Scott ha anche fornito qualche aggiornamento sull'annunciato adattamento televisivo di Alien

Novità interessanti in arrivo per quello che potremmo definire il “Ridley Scott Cinematic Universe”. Il regista 83enne ha annunciato la realizzazione di due serie TV tratte da due dei suoi film più celebri: Blade Runner e Alien.

Se riguardo a una serie tratta da Alien se ne parla già da tempo, la news più sorprendente delle ultime ore è l'annuncio di un adattamento televisivo di Blade Runner. Nel corso di un'intervista con BBC Radio Today, Ridley Scott, senza rivelare troppo, ha dichiarato: “Stiamo già scrivendo l'episodio pilota per Blade Runner. L'intero show durerà circa dieci ore”.

Si tratterà di una serie live action differente dal recente anime Blade Runner: Black Lotus. Non è però al momento ancora chiaro in quale periodo temporale andrà a inserirsi la nuova storia. Non si sa quindi se si tratterà di un prequel o di un sequel del primo storico Blade Runner con Harrison Ford e Rutger Hauer, diretto da Ridley Scott nel 1982 e a sua volta liberamente tratto dal romanzo Il cacciatore di androidi (Do Androids Dream of Electric Sheep?) di Philip K. Dick. Oppure se sarà ambientato dopo quanto raccontato in Blade Runner 2049, il sequel del film originale diretto nel 2017 da Denis Villeneuve, con protagonista Ryan Gosling e il ritorno nel cast di Harrison Ford.

In attesa di saperne qualcosa in più, il regista britannico ha intanto parlato anche della serie live action ispirata alla saga di Alien, iniziata con la prima omonima pellicola da lui girata nel 1979 e con Sigourney Weaver nei panni di Ellen Ripley. Al riguardo, Ridley Scott ha detto: “Stiamo scrivendo l'episodio pilota di Alien. Ora dobbiamo finire di delineare la storia e decidere se sarà di otto o dieci ore, e preparare la bibbia di quel che accadrà per tutto quel tempo”.

Lo scorso dicembre, lo showrunner Noah Hawley, già creatore delle serie Fargo e Legion, in un'intervista con Vanity Fair al proposito aveva anticipato: “Non sarà una storia su Ripley. È uno dei personaggi più famosi di sempre e credo sia già stato raccontato alla perfezione, perciò non ho voluto incasinare le cose. Sarà una storia ambientata sulla Terra. I film con gli Alien sono tutti claustrofobici... si è intrappolati in una prigione, su una nave spaziale. Ho pensato potesse essere interessante aprire un po' le cose, così da rendere più chiara la posta in gioco sul 'Cosa succede se non puoi contenere gli Alien?'”.