Coronavirus: Ryan Reynolds, Aaron Paul e Bryan Cranston aiutano i baristi disoccupati

Gli attori doneranno il 30% dei guadagni delle loro aziende che producono alcolici

Tra le star in prima linea per fronteggiare l'emergenza Coronavirus a livello economico, uno dei più impegnati è Ryan Reynolds. Negli scorsi giorni, insieme alla moglie Blake Lively, ha donato un milione di dollari per le banche alimentari. Adesso ha annunciato una nuova lodevole iniziativa.

Ryan donerà il 30% degli incassi dalle vendite online di Aviation Gin, il brand di gin da lui acquistato, alla United States Bartenders' Guild. Il sindacato dei baristi statunitensi sta organizzando delle iniziative per supportare i numerosi lavoratori che in questo periodo, a causa dell'emergenza sanitaria, sono rimasti senza stipendio, e adesso potranno contare anche sull'appoggio di Reynolds.

Inoltre, l'attore 43enne nelle ultime ore ha pubblicato una simpatica clip dalla saga di Deadpool in cui descrive il suo mood attuale, in cui pure molti di noi si possono riconoscere. Nella scena, il personaggio interpretato da Reynolds dice: "Cosa dovrei fare esattamente qui in giro, in ogni caso? Sedermi in circolo parlando dei miei sentimenti? E come dovrei farlo, esattamente... Perché, dove cavolo sono tutti?”. E poi, quando Colossus lo tocca, gli risponde: “Avevo detto di non toccarmi”.


Alla bella iniziativa di Ryan Reynolds nelle ultime ore si sono aggiunti anche Aaron Paul e Bryan Cranston. I due protagonisti della serie Breaking Bad devolveranno alla US Bartenders' Guild il 30% dei guadagni online della Dos Hombres, l'azienda che produce mezcal fondata dai due attori.

Attraverso Instagram, Jesse Pinkman e Walt White... pardon, Aaron Paul e Bryan Cranston scrivono: “Buona idea, Ryan Reynolds. […] Qualsiasi sia il vostro drink, leviamo in alto il bicchiere e brindiamo al nostro impegno nel fermare il contagio. Per favore, bevete responsabilmente con nessuno dei vostri amici più cari... per ora”.


Foto d'apertura: Getty Images