04 marzo 2019

Luke Perry non ce l'ha fatta: addio alla star di Beverly Hills 90210

L'interprete di Dylan McKay è morto all'età di 52 anni, in seguito a un ictus che lo aveva colpito la settimana scorsa

 

Purtroppo non ce l'ha fatta. È con un groppo in gola che dobbiamo annunciare la morte di Luke Perry.

 

L'interprete di Dylan McKay nella serie cult Beverly Hills 90210 era stato ricoverato lo scorso mercoledì in seguito a un ictus. Fin da subito le sue condizioni erano apparse gravissime, ma la speranza che si potesse riprendere c'erano ancora. Adesso purtroppo è arrivata dal sito TMZ la notizia che tutti temevamo.

 

Luke Perry è morto all'età di 52 anni. La sua carriera era legata soprattutto al piccolo schermo, grazie al ruolo di Dylan in Beverly Hills 90210 che lo ha reso uno dei volti, e anche uno dei sex symbol, simbolo degli anni '90.

 

Attualmente inoltre era nel cast di un'altra serie adolescenziale molto popolare, Riverdale, in cui aveva la parte di Fred Andrews, il padre di uno dei giovani protagonisti, Archie Andrews (KJ Apa).

 

Le ultime occasioni per vederlo recitare saranno in occasione degli episodi già girati di Riverdale, ma anche sul grande schermo. Perry figura nel cast di Once Upon a Time in Hollywood, il nuovo film di Quentin Tarantino, le cui riprese sono già state ultimate.

 

A poche ore di distanza dalla scomparsa di Keith Flint dei Prodigy, un altro lutto devastante, soprattutto per chi è cresciuto nei 90s.

 

PH: Getty Images