24 maggio 2019

Cannes 2019, il toto-Palma: Almodóvar favorito, speranze per Favino

Chi si porterà a casa la Palma d'oro di miglior film all'edizione di quest'anno del Festival?

 

Tempo di previsioni. No, non stiamo parlando del tempo, né tantomeno delle elezioni europee di domenica. Ci riferiamo invece al toto-Palma per quanto riguarda il Festival di Cannes 2019, che nella serata di domani, sabato 25 maggio, esprimerà i suoi verdetti. O meglio, a farlo sarà la giuria, presieduta quest'anno dal regista messicano Alejandro González Iñárritu e in cui figurano tra gli altri la giovane star Elle Fanning e l'italiana Alice Rohrwacher.

 

I pronostici vedono un favorito principale: Pedro Almodóvar. Il regista spagnolo, con il suo nuovo Dolor y Gloria che racconta di un regista in crisi ed è interpretato da Antonio Banderas e Penélope Cruz, è probabilmente il titolo che più ha incantato ed emozionato in questi giorni pubblico e critica.

 

Non è però detto che non ci siano sorprese. Tra i grandi outsider del concorso c'è Portrait of a Lady on Fire della francese Céline Sciamma, un dramma al femminile che nel cast vanta anche la nostra Valeria Golino osannato da molti, compreso uno dei “rivali” per la Palma d'oro, ovvero Xavier Dolan.

 

Molto alte le quotazioni anche per Parasite del sudcoreano Bong Joon-ho, una pellicola dalle forti connotazioni politiche che difficilmente avrà lasciato indifferenti i giurati. Di notevole attualità poi, e tra i papabili per i premi, pure Sorry We Missed You del britannico Ken Loach e Les Misérables del francese Ladj Ly.

 

Parecchio apprezzato anche il dramma ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale A Hidden Life, diretto da un Terrence Malick tornato a fare il pieno di consensi. Da non dimenticare poi l'unico film italiano in concorso, Il traditore di Marco Bellocchio, salutato da una standing ovation di 13 minuti e che pare avere buone possibilità in particolare per il premio alla migliore interpretazione maschile, grazie all'ottima prova di Pierfrancesco Favino nei panni del mafioso e poi collaboratore di giustizia Tommaso Buscetta.

 

La vera sorpresa potrebbe comunque arrivare da un altro titolo. Quale? C'era una volta a... Hollywood. Il nuovo lavoro di Tarantino interpretato da Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie forse non è il classico film da festival, ma le recensioni sono state generalmente buone e inoltre Quentin non va mai sottovalutato. In passato a Cannes si è portato a casa la Palma d'oro con Pulp Fiction e il premio per la miglior interpretazione maschile a Christoph Waltz con Bastardi senza gloria. E come si suol dire, non c'è due senza tre.

via GIPHY

PH: Getty Images